Come Risparmiare sul Conto Corrente

Il conto in banca oltre che per il risparmio serve anche per effettuare una serie di operazioni che spesso purtroppo ci costano e anche abbastanza. Ecco perché siamo tutti alla ricerca di un conto corrente a zero spese.

Non pagare assolutamente nulla per il conto in banca è praticamente quasi impossibile. Vediamo quali sono oggi i conti più economici e cosa e come risparmiare sui servizi offerti dalla banca.

I conti correnti più economici sul mercato
Conto Arancio, è l’unico che, nel caso si superi la soglia media dei 5.000,00 € di giacenza media in un anno, non ti addebiterà i bolli pagandoli al tuo posto. Tutte le altre spese sono a zero.

Conto corrente CheBanca, il bollo di 34,20 euro annui si paga se superata la soglia media dei 5.000,00 € di giacenza media in un anno. Il canone è di un euro al mese tutto incluso. Prelievi in tutto mondo, addebito delle bollette e bonifici compresi. Operazioni illimitate via internet possibili anche tramite il servizio clienti sempre disponibile e gratuito.

Fineco, il conto corrente di questa banca è a zero euro, canone e bolli, se deciderai di accreditarci sempre il tuo stipendio ma anche se hai meno di 28 anni oppure se hai la possibilità di versarci ogni mese circa 1.500,00 €. La carta bancomat di questo istituto funziona anche come carta di credito, evitandoti la spesa.

Youbanking, il nuovo prodotto di Banco Popolare, fatto su misura per chi usa le app da cellulare o internet, e il servizio clienti, è tutto a zero.

Come riconoscere un conto corrente a zero spese
La prima soluzione per risparmiare per quanto possa sembrare banale è quella di aggiornarti costantemente prima di scegliere quale conto aprire, cerca nei siti delle banche o nelle loro filiali i fogli informativi che sono esposti e compara le condizioni economiche.

Perché un conto sia effettivamente economico le voci relative a
canone mensile
costo del bancomat
costo delle operazioni come i bonifici e il pagamento delle bollette
il prelievo agli sportelli di altre banche
costo delle operazioni via internet o telefono
Tutto deve essere ridotto al minimo indispensabile.

Un’altra voce importante da osservare nei costi sono anche quelle legate alle operazioni fatte nella tua filiale, molto spesso per abitudine andiamo a fare bonifici, prelievi e versamenti direttamente allo sportello, in questi casi vedendoci applicata una commissione che per alcuni istituti arriva anche a 4 euro per bonifico. Vediamo le principali domande da fare a chi trovi allo sportello:
chiedi se puoi effettuare i versamenti anche agli ATM (cioè dagli sportelli automatici fuori dalla banca), molte persone hanno questo servizio senza nemmeno saperlo
informati su un eventuale servizio di messaggistica, se c’è e soprattutto quanto costa, molto spesso cercando di sottolineare il vantaggio dato da questo servizio, viene casualmente dimenticato di comunicarti quanto costi tutto ciò
la carta di credito e il libretto degli assegni non sono sempre inclusi nel canone mensile e quindi non gratuiti, informati in merito perché esiste anche la possibilità di avere oltre al conto corrente una carta di credito (senza avere un altro conto corrente che potrebbe essere più economica da quella che ti offre la tua banca)
quando scegli il conto non dimenticare di cercare eventuali costi di apertura e chiusura del conto, ricorda inoltre che, nel momento in cui la tua banca dovesse scegliere di cambiare le condizioni economiche, hai sempre un periodo di 60 giorni per recedere dal contratto senza pagare nulla

Scegliere e trovare un conto corrente a zero spese è quasi impossibile ma vale la pena conoscere tutte le loro funzioni e fare le domande giuste per poter avere il conto che fa per noi ma soprattutto per averlo risparmiando denaro.

Lascia un commento