Come Risparmiare con la Condivisione

Un modo sicuro e facile per riuscire a risparmiare potrebbe essere la condivisione e scambio di oggetti, prestazioni o servizi di tutti i generi.

Nell’era del web e dei social network, il vecchio metodo del baratto è ancora efficace per far sì di risparmiare su oggetti di ogni genere.

In Italia esistono diverse metodologie di “sharing” che permettono un risparmio su ogni cosa.

I principali servizi di condivisone sono
car sharing
bike sharing
energy sharing
sharing economy

Car sharing
Dall’ICS (Iniziativa Car Sharing) risulta che:

è un servizio è attivo in 11 città e 8 province
gli abbonamenti sono 12544 su 16000 utenti che usufruiscono del car sharing
le auto disponibili sono 474 per 316 parcheggi
Per 10000 Km. si possono risparmiare 2000€ rispetto ad un’automobile di proprietà. In media, un abbonato italiano risparmia fino a 1700€.

1 auto in car sharing equivale a 16 auto private in meno e questo significa un forte rispetto per l’ambiente e tanti vantaggi per il traffico urbano.

Grazie alla condivisione dell’auto si può fare a meno di pensare a tasse, pulizia e manutenzione dell’automobile e multe per l’accesso in zone a traffico limitato.

I motivi per un progressivo sviluppo e successo del car sharing sono stati:

il risparmio
la flessibilità di utilizzo
il rispetto dell’ambiente
la semplicità
L’automobilista italiano ha cominciato a gradire questo particolare servizio anche perché c’è la possibilità di scegliere l’auto adatta per la particolare occasione.

Bike sharing
La condivisione della bicicletta è un servizio pubblico di mobilità che permette una riduzione del traffico cittadino ed un minore inquinamento dell’ambiente.

La caratteristica principale di questo servizio consiste nel risparmiare sui costi di carburante e di gestione dell’automobile.

Esistono degli abbonamenti attivabili in quei comuni che mettono a disposizione dei parcheggi da cui prendere le biciclette da usare per il periodo necessario.

Eenergy sharing
Ultimamente è stato creato un gruppo di acquisto di energia elettrica, questo servizio è stato proposto alle piccole e medie imprese che sono clienti della Banca di Credito Cooperativo.

Con energy sharing si riesce a sfruttare la massa di milioni di KWh per poi trattare in modo diretto le condizioni di maggior favore con i fornitori, con i quali si avvia una vera e propria trattativa mediante aste al ribasso.

Questo servizio offre la possibilità di ridurre i costi dell’energia per quelle imprese che effettuano una spesa annua di energia elettrica di almeno 10000€.

Sharing economy
Il famigerato “scambio di tutto” si effettua mediante l’esistenza di tanti siti internet che offrono un servizio di scambio e condivisione di qualsiasi cosa, da prestazioni ad oggetti vari.

Esempi sono quei particolari siti che fanno la funzione primaria per
scambi di idee
scambi di servizi
scambi di parcheggi
scambi di appartamenti
scambi di giocattoli
scambi di regali
Sono state create delle community online, la cui caratteristica principale è il baratto, il quale resta il migliore ausilio dell’uomo per un risparmio sicuro ed efficace.

Entrare nel mondo di internet è molto vantaggioso per riuscire a risparmiare tramite lo scambio di servizi e di beni.

Lascia un commento